AD UNA GRANDE DE’LONGHI NON RIESCE L’IMPRESA. VINCE TRIESTE PER 91-83

Alma Pallacanestro Trieste: Lorenzo Baldasso 21 (3/4, 5/5), Javonte damar Green 17 (4/8, 0/2), Juan Fernandez 14 (2/3, 2/4), Daniele Cavaliero 12 (1/3, 2/4), Matteo Da ros 11 (4/8, 0/1), Federico Loschi 8 (0/0, 2/4), Giga Janelidze 4 (2/4, 0/1), Roberto Prandin 4 (2/4, 0/2), Alessandro Cittadini 0 (0/3, 0/0), Matteo Schina 0 (0/0, 0/0), Stefan Milic 0 (0/0, 0/0), Andrea Coronica 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 22 / 24 – Rimbalzi: 22 6 + 16 (Javonte damar Green 5) – Assist: 14 (Matteo Da ros 8)
De’ Longhi Treviso: John Brown 23 (11/19, 0/0), Matteo Negri 14 (3/4, 2/3), Davide Bruttini 12 (4/5, 0/0), Matteo Imbro’ 10 (0/1, 3/6), Michele Antonutti 8 (3/4, 0/1), Bernardo Musso 7 (0/1, 1/2), Matteo Fantinelli 7 (2/4, 0/0), Gherardo Sabatini 2 (0/0, 0/2), Federico Poser 0 (0/0, 0/0), Aleksa Nikolic 0 (0/0, 0/0), Simone Barbante 0 (0/0, 0/0), Lorenzo De zardo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 19 / 23 – Rimbalzi: 27 6 + 21 (John Brown 7) – Assist: 17 (Matteo Fantinelli 6)

 

In una gremitissima Alma Arena va in scena il big match della settima giornata tra la Pallacanestro Trieste e la De’Longhi Treviso. La De’Longhi recupera in extremis Antonutti e Fantinelli entrambi sicuramente non nella miglior condizione ma comunque a disposizione di coach Pillastrini, che decide di schierare in quintetto Sabatini play, Brown, Bruttini, Imbrò e Musso. Coach Dalmasson risponde con Fernandez play, Baldasso, Cittadini, Da Ros, Green.

Apre la partita il canestro di Bruttini da sotto, a cui risponde subito Green e poi Fernandez con il fallo ed il tiro libero supplementare.
Treviso mostra di non temere assolutamente gli avversari, una bomba di Imbrò con fallo, porta Treviso sul +3.
Le percentuali in attacco sono molto alte nei primi minuti di gioco con TVB che dopo due rimbalzi in attacco trova il canestro con Brown. Sempre John in difesa si fa cogliere impreparato e commette il suo secondo fallo. Ecco che Trieste trova ancora la via del canestro con Green che porta il parziale sul 12-10.
Antonutti con un long two pareggia a quota 12. Quindi, Treviso dopo una buona difesa di squadra, pesca Bruttini sotto canestro che subisce un fallo e trasforma solo uno dei due liberi a disposizione, portando TVB avanti sul 13-12. La De’Longhi in difesa è solida e colpisce ancora con Antonutti in contropiede portandosi avanti sul 16-14. Bruttini coglie Janelidze impreparato e lo costringe al fallo, realizzando poi il 2/2 dalla lunetta. Nell’azione successiva, Negri con una penetrazione porta Treviso sul +8 a tre minuti dal termine del primo quarto. Grande gioco corale di TVB, con l’ottimo assist di Musso per Bruttini. Loschi è bravo a subire il fallo di Musso sull’ultimo tiro da tre punti del quarto, realizzando due dei tre liberi a sua disposizione che chiudono il periodo.
Il primo quarto si chiude con il punteggio 23-27 in favore della De’Longhi.

Il secondo quarto di gioco inizia con Trieste che parte subito forte con una tripla ed un lay-up di Baldasso: sono queste le giocate che animano l’Alma Arena. La De’Longhi non si scompone e risponde con la grande schiacciata di Brown; Baldasso, tuttavia, è ispirato e realizza altri due punti, portando le squadre sul 33-32 in favore dei bianco-rossi. Negri con una preghiera allo scadere dei 24′ realizza una mostruosa tripla e dopo una palla recuperata Imbrò pesca John Brown con un ottimo assist che schiaccia a canestro. Il ritmo della partita è altissimo con Treviso che riesce a mostrare un’ottima difesa riuscendo a correre in contropiede e provare nuovamente l’allungo sul +6 con Brown (35-41). Dopo il timeout chiesto da Pillastrini a due minuti dal termine della seconda frazione, Imbrò recupera la palla servendo un’ottimo assist per John Brown che affonda la prima delle due schiacciate consecutive che tengono avanti TVB. Green dalla media e poi Musso con una bomba importantissima chiudono mandando le squadre all’intervallo lungo con il punteggio di 41 a 50 per gli ospiti.
Il match riprende con Trieste decisa a ribaltare il punteggio. Da Ros dalla media e poi Baldasso che realizza due bombe incredibili, portano i biancorossi a contatto con Treviso. Sabatini è bravo a fermare il break recuperando la palla e subendo il fallo di Fernandez, non riuscendo però a trovare il canestro. Green in campo aperto subisce il fallo di Imbrò e dalla lunetta porta la sua squadra sul 51-52. L’aggancio è compiuto.

I ritmi sono sempre altissimi come l’incitamento costante dei Fioi dea Sud, anche oggi accorsi in tantissimi a Trieste per sostenere la squadra. L’inerzia della partita, però, è dalla parte dei padroni di casa con Green che subisce fallo in penetrazione e si conquista un altro giro dalla lunetta: ovviamente il talento USA non sbaglia e i padroni di casa sono a -1.
La De’Longhi non è più efficace in fase offensiva e, dopo l’ennesimo errore al tiro, Baldasso la punisce mettendo una tripla dall’angolo che completa il sorpasso. I ragazzi di coach Pillastrini non si scompongono e, anzi, tornano nuovamente avanti, prima con Antonutti che realizza dalla media e poi con Negri con un 2/2 ai liberi. John Brown è il solito mattatore inarrestabile e riesce a segnare da fuori con enorme freddezza, allungando sul +4.
L’esperienza e le doti di Cavaliero sono innegabili ed è proprio il talento lombardo giunto nuovamente a Trieste nella passata stagione a caricarsi la squadra sulle spalle segnando due triple che portando l’Alma vanti di una lunghezza.
Bruttini realizza solo un libero su due. L’ultimo pallone del quarto è ancora nelle mani di Fantinelli che serve Brown: quest’ultimo non riesce a realizzare. Il terzo quarto termina sul 66 pari.
L’ultima frazione di gioco si apre con vari errori al tiro da ambe le parti ma è capitan Fantinelli a sbloccare il punteggio realizzando un lay up.
Trieste però si sblocca definitivamente con Cavaliero che riporta il match in parità. Baldasso segna la bomba del +5 e Prandi in contropiede fissa il tabellone sul 75-68. Treviso ferma il break con un 2/2 dalla lunetta di Musso e una penetrazione vincente di Fantinelli.
È una De’Longhi mai doma e, grazie ad Antonutti 2/2 dalla lunetta, si ritrova ancora in partita sul -2 (79-77) a 3 minuti dal termine. L’Alma però è di un’estrema solidità e, in fase offensiva, pesca la difesa di Treviso in fallo con Green, che va in lunetta segnando entrambi i liberi a sua disposizione. Fernandez con una tripla difficilissima porta Trieste sul +6 costringendo Coach Pillastrini a chiamare timeout sul punteggio di 87-81 per i Triestini.
La partita è ormai saldamente nelle mani dei padroni di casa che gestiscono al meglio i minuti finali. Non riesce a Musso l’ultima giocata della partita, che si conclude con la vittoria dei padroni di casa per 91 a 83. Questi mantengono l’imbattibilità e la vetta della classifica.

Rimane comunque positiva la partita di Treviso che ora deve pensare al prossimo appuntamento casalingo con la Scaligera Verona.