La società Universo Treviso Basket ha adottato dalla corrente stagione il Modello Organizzativo 231, che consiste in un insieme di procedure, caratterizzato anche da attribuzione di mansioni e deleghe specifiche e soprattutto dall’adozione di un Codice Etico, la cui predisposizione è un’attività preceduta da un’attenta ed approfondita analisi dell’attività aziendale, in modo da potere effettuare la valutazione dei rischi di commissione dei reati presi in considerazione dal Decreto 231 del 2001.

Universo Treviso Basket con questa scelta ha intrapreso una via in un’ottica di trasparenza e di corretto funzionamento della società sportiva secondo principi di integrità morale e correttezza e perseguendo le finalità statutarie nel rispetto della sua missione aziendale, adottando lo strumento del Codice Etico per dare testimonianza della corretta applicazione delle norme che regolano l’attività e per prevenire il rischio di commissione dei reati.

Prendendo in esame quindi tutto ciò che gravita attorno alla società, dal modello organizzativo al rapporto con le aziende sponsor, dalla gestione del personale all’organizzazione degli eventi, è stato quindi predisposto da Treviso Basket e PricewaterhouseCoopers, network multinazionale che fornisce servizi di consulenza di direzione e strategica, revisione di bilancio e consulenza legale e fiscale, il Codice Etico, documento che verrà messo a conoscenza di chiunque entri in contatto con il club (dipendenti, collaboratori, fornitori, sponsor, istituzioni, media) sia con comunicazioni dirette sia con la pubblicazione in un’apposita sezione del sito.

Contemporaneamente è stato anche creato l’Organismo di Vigilanza di Universo Treviso Basket, presieduto da Moreno Trevigne, amministratore delegato di A&A Consulenza e di cui fanno parte il notaio Matteo Contento e l’avvocato Riccardo Manfrini. Il Codice Etico e la relativa documentazione sono disponibili sul sito www.trevisobasket.it.
(allegate foto)