LA DE’LONGHI NON SI FERMA, A FORLÌ INGRANA “LA SESTA” E VINCE PER 79-65

UNIEURO FORLI’ – DE’ LONGHI TREVISO BASKET 65-79

UNIEURO FORLÌ: Naimy 8 (1/1, 2/10), Jackson 20 (5/11, 2/8), Severini 4 (2/7, 0/2), Castelli 5 (2/2, 0/2), DiLiegro 11 (3/4 da 2); Fallucca 9 (0/1, 3/7), Bonacini 2 (1/4 da 2), Thiam 0 (0/1 da 2), De Laurentiis 6 (0/1 da 3). Ne: Campori, Gallera, Del Zozzo. All.: Valli


DE’ LONGHI TREVISO: Sabatini 3 (1/4, 0/1), Musso 18 (2/4, 4/7), Fantinelli 3 (0/5 da 2), Lombardi 9 (4/5, 0/1), Brown 16 (7/15 da 2); Bruttini 5 (1/2, 1/1), Swann 16 (2/4, 4/6), Poser, Imbrò 4 (2/2, 0/1), Negri 5 (2/3, 0/1). Ne: Barbante. All.: Pillastrini.
ARBITRI: Moretti, Pierantozzi, Barbiero
NOTE: pq 16-23, sq 40-47, tq 54-68. Tiri liberi: FC 16/22, TV 10/15. Rimbalzi: FC 24+13 (De Laurentiis 7+4), TV 29+9 (Bruttini 5+1, Fantinelli 6 dif.). Assist: FC 6 (Naimy, Jackson 2), TV 16 (Fantinelli 6). 5 falli: Bruttini al 32’38” (56-70)


All’Unieuro Arena la De’Longhi Treviso sfida i padroni di casa di Forlì per cercare la sesta vittoria consecutiva per continuare la propria marcia verso le posizioni più alte della classifica. Priva di uno dei suoi giocatori cardine come Michele Antonutti, Stefano Pillastrini schiera in quintetto Fantinelli, Sabatini, Musso, Lombadi e Brown. I padroni di casa, dopo aver battuto la capolista Alma Trieste e reduci da una brutta prestazione in casa di Mantova, oggi cercheranno di risollevarsi.

I primi minuti di gioco passano con le squadre che si studiano reciprocamente, fino al primo vantaggio trevigiano firmato da Bernardo Musso con una tripla fronte canestro.
Il bel coast to coast di Sabatini porta nuovamente avanti Treviso sul +3, ma la talentuosa guardia americana Jackson realizza con un funambolico tiro dalla lunga distanza tenendo ancora in partita l’Unieuro. 
Segue una fase concitata del match, con una serie di botta e risposta, ma a metà del primo tempo è Forlì a rimettere avanti la testa con una tripla di Naini. È tempestiva la risposta di Eric Lombardi con una conclusione sotto canestro e una spettacolare schiacciata di John Brow. Mentre la squadra di casa in attacco sfrutta i chili dei suoi giocatori interni facendo spendere i primi falli ai lunghi di Treviso, gli uomini di coach Pillastrini si mantengono avanti nel punteggio grazie ad una buona difesa alle ripartenze di Fantinelli e Sabatini. Un ispirato Isaiah Swann sale sul palco e si prende tutta la scena, diventando protagonista assoluto degli ultimi minuti del primo quarto; sono infatti le sue tre triple consecutive a chiudere il periodo con Treviso che ora conduce per 16 a 23.

Il secondo quarto di gioco si apre con una tripla di Bruttini che porta la De’ Longhi al primo massimo vantaggio di 10 punti (16-26). Forlì non molla anzi mostra tutto il suo orgoglio con Falluca che realizza una tripla importantissima. Treviso mostra grande solidità in difesa catturando importanti rimbalzi che creano rapide ripartenze, portandola agevolmente sul +12 (19-31) e costringendo coach Valli a chiamare time-out.
A metà quarto Forlì decide di passare a zona per cercare di fermare l’arrembante Treviso, ma sembra non esserci tregua per la retina del canestro della squadra di casa. Treviso continua a macinare gioco e a quattro minuti dall’intervallo conduce di 14 punti (24-38). Complice un calo d’intensità difensiva della De’ Longhi in aggiunta con qualche imprecisione al tiro di Brown, i padroni di casa trovano una reazione di orgoglio con due conclusioni della lunga distanza del solito Falluca.
Gli ultimi minuti sono infuocati, TVB non trova quella lucidità mostrata nei primi sedici minuti e la palla persa di Fantinelli a metà campo, porta Jackson a realizzare per il momentaneo -7. L’inerzia del match passa nelle mani dei padroni di casa che cavalcano l’onda dell’entusiasmo e a sei secondi dall’intervallo lungo De Laurentis non sbaglia i liberi che mandano le squadre negli spogliatoi con il punteggio di 40 a 47.

Al rientro in campo TVB mostra grande personalità e torna a dare grande ritmo in attacco e grande intensità in difesa. I recuperi difensivi creano transizioni offensive efficaci come quella di Bernardo Musso pronto a realizzare prima una tripla, poi un tiro dalla media che mantiene il vantaggio di Treviso a 10 lunghezze. C’è il solo Jackson tra le fila di Forlì che prova a tenere in partita la squadra di casa con i suoi 18 punti segnati, ma ancora una volta Swann a spegnere gli entusiasmi dei romagnoli, con la sua mortifera quarta (in altrettanti tentativi) “bomba” che consente a Treviso di riportarsi sul +18 a due minuti al termine. La nuova guardia americana si è inserita perfettamente nello scacchiere di coach Pilastrini come dimostrano i due canestri sul finale di periodo per il definitivo 54 a 68.

Nell’ultimo quarto di gioco Forlì tenta il tutto per tutto e al rientro in campo mostra grande aggressività ma imprecisione al tiro. Ma il primo canestro è di Matteo Negri che arriva solo al terzo minuto di gioco sul punteggio di 54 a 70.
Un minuto dopo arriva una brutta notizia in casa De’Longhi con il quinto fallo di Davide Bruttini. L’Unieuro torna a sfruttare la poca lucidità al tiro di Treviso grazie ad una buona difesa a tutto campo che sancisce il momentaneo -11. A rappresentare il momento di difficoltà di TVB è una palla persa su rimessa da Negri e Fantinelli che mandano su tutte le furie coach Pillastrini deciso a chiamare time out.
Sono momenti concitati del match con la De’ Longhi già un bonus e una Forlì pronta a lanciarsi verso una insperata rimonta. Ma nel momento di massimo sforzo, il giovane Federico Poser si mette in luce catturando ottimi rimbalzi sia offensivi che difensivi e una clamorosa stoppata su Naimy che permette a Treviso di tornare a respirare sul +10. Gli ultimi minuti del match trascorrono con la squadra ospite in assoluto controllo della partita e l’ottima collaborazione tra Fantinelli e Lombardi chiude definitivamente ogni speranza ai padroni di casa consegnando alla De’ Longhi il definitivo e rassicurante +14. (65-79).

Possono far festa i numerosi e “dominanti” tifosi trevigiani che hanno sostenuto incessantemente la squadra per tutta la partita. Il prossimo appuntamento sarà ostico e importantissimo in casa della Poderosa Montegranaro, ma la De’ Longhi non vuole smettere di “correre”.